AustraliaSydney

Sydney, capitale del Nuovo Galles del Sud, è la città più popolosa dell’Oceania e anche una delle più multiculturali al mondo. E’ costituita da diversi quartieri e la maggior parte dei suoi abitanti provengono dal Regno Unito. Offre, inoltre, inoltre moltissime attività nei suoi dintorni come l’escursione alle Blue Mountains.

Le attrazioni da non perdere sono:

SIDNEY OPERA HOUSE: Inaugurata ufficialmente dalla Regina Elisabetta II il 20 ottobre del 1973, rappresenta una vera e propria icona della città di Sydney.
Fu progettata da un architetto proveniente dalla Danimarca, Jørn Utzon, da cui si dice abbia tratto ispirazione per la forma.
Il Teatro dell’Opera di Sydney, situato vicino al Sydney Harbor Bridge, è stata proclamata patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2007. Visitata da milioni di turisti ogni anno al suo interno si trova l’organo del Concert Hall che con più di 10mila canne è il più grande organo del mondo.

BONDI BEACH: lunga circa 1km è una delle spiagge più famose di Sydney da cui è facilmente raggiungibile grazie ai mezzi pubblici. Nel 2008 è stata dichiarata patrimonio nazionale australiano e inserita nell’Australian National Heritage List. Questa spiaggia di sabbia bianca è l’ideale per gli appassionati di Surf e su di essa si trova anche il Bondi Life Saving Club che, nato nel 1906,è il più vecchio Surf Life Saving Club d’Australia.
Come in altre spiagge australiane, nei mesi estivi viene messa una rete anti squalo per proteggere i bagnanti ma dalla spiaggia è comunque possibile avvistare delfini e balene in lontananza.
Durante tutto l’anno, invece, è sede di numerosi eventi tra cui la maratona amatoriale City to Surf, il festival degli aquiloni (Festival of the Winds) e da non dimenticare i festeggiamenti del giorno di Natale sulla spiaggia.
Si possono raggiungere le spiagge vicine di Tamarama, Bronte e Coogee percorrendo il percorso costiero “Bondi to Coogee Walk” che in primavera si arricchisce di opere di artisti locali grazie alla manifestazione “Sculpture by the Sea”.

Non preoccuparti se il mondo finirà oggi. È già domani in Australia                      – Charles M. Schulz

THE ROCKS: in questo quartiere si stabilirono i primi coloni europei che iniziarono a sviluppare la città. Situato nei pressi del Sydney Harbour Bridge, nel corso del tempo si è trasformato da quartiere malfamato ad un’area all’aperto dove poter fare shopping, mangiare street food o nei ristoranti sul porto o ancora entrare in uno dei pub più antichi di Sydney.
In questo quartiere si trovano il Museum of Contemporary Art, il Sydney Observatory, il Rocks Discovery Museum e altro ancora.

PORT JACKSON: l’origine del nome è da attribuire a James Cook che lo scoprì nel 1788. Prima della sua scoperta però era abitato da diverse tribù aborigene come quelle dei Gadigal, Cammeraygal, Eora e Wanegal. Port Jackson è connesso a Port Hacking tramite la Botany Bay ed è possibile con un traghetto raggiungere le isole Shark, Clark, Rodd e Goat situate al suo largo.

ROYAL BOTANIC GARDEN: insieme al Mount Annan Botanic Garden e al Mount Tomah Botanic Garden, il Royal Botanic Garden fa parte dei giardini botanici più importanti di Sydney.
Situati a fianco della Sydney Opera House sono stati fondati nel 1816 e ospitano piante tipicamente australiane come l’antico pino Wollemi (chiamato anche pianta dei dinosauri) ma anche piante provenienti da diverse parti del mondo. Non mancano al suo interno alcuni esemplari autoctoni.

Stato:
Australia
Stato Federato:
New South Wales
Sindaco:
Clover Moore
Fondazione:
26 gennaio 1788
Coordinate:
33°52′04″S | 151°12′26″E
Altitudine:
6 e 58 m s.l.m.
Superficie:
12 367,7 km²
Abitanti:
5.131.326
Popolazione:
414,9 ab./km²
Fuso orario:
UTC +10
Nome abitanti:
Sydneysiders
Condividi sui social