loading...

Consigli di lettura

Racconti dei saggi della Polinesia

Una piccola antologia di racconti delle popolazioni del Pacifico

Edito da L’ippocampo il libro è stato realizzato dalla scrittrice Cèlne Ripoll. Fa parte di una serie di raccolte di racconti mitologici raccontati e tramandati dagli antichi popoli fino ai giorni nostri (non solo della Polinesia ma si spazia dai Pellerossa ai Samurai del Giappone). Mi sono imbattuto in questo libro in una libreria mentre aspettavo il mio treno a Stazione Centrale di Milano, non ricordo di preciso dove dovessi andare!

Il libro in sé è molto bello, una copertina rigida in stoffa ed il formato è tascabile, una piccola bibbia che racchiude in se un po’ del sapere dei saggi Polinesiani. I racconti provengono da diverse isole, da Thaiti alle Hawaii e sono importanti per comprendere un po’ questa cultura così antica e così lontana dalla nostra, rimanendo soppressi da alcune analogie legate ai racconti della nostra infanzia o della nostra mitologia.

Seppur la traduzione dal francese sia in alcuni punti da rivedere, consiglio questo libro a chi vuole approfondire la cultura Polinesiana o chi semplicemente è amante delle storie e dei racconti. Consigliato anche come lettura per i bambini come ottima alternativa alle nostre fiabe.

Non proprio un libro di viaggi ma chi ama viaggiare per scoprire sicuramente saprà apprezzare.

A presto e buona lettura!

Corto Sconto – La guida di Corto Maltese alla Venezia Nascosta

Una Venezia raccontata come solo il padre di Corto Maltese sa fare: Corto Sconto

Ci sono tante guide di viaggio in commercio, specialmente dedicate ad una delle città italiane più famose nel mondo: Venezia.

Non tutte le guide sono uguali e per questo voglio dedicare uno spaio ad una guida insolita che propone itinerari altrettanto insoliti: Corto Sconto – la guida di Corto Maltese alla Venezia nascosta.

Quest’opera, perchè di questo si tratta, è stata realizzata da Guido Fuga e Lele Vianello con l’ausilio e, sopratutto, le illustrazioni del maestro del fumetto Hugo Pratt.

Hugo Pratt nasce a Rimini, ma è nella città di Venezia che trascorre gran parte della sua esistenza. Una città che amerà a tal punto da essere ambientazione di più di uno delle avventure di Corto Maltese, e che farà amare ai suoi lettori e compagni di avventure. Proprio da questo amore per Venezia e per l’ignoto sarà l’ingrediente fondamentale per la realizzazione di questo libro.

Il titolo stesso chiarisce già da subito quello che troveremo all’interno delle sue pagine: Corto Sconto. La parola sconto  in dialetto veneziano significa nascosto, mentre Corto fa riferimento al personaggio di Corto Maltese che ci accompagnerà in questa guida illustrata. Per chi non sapesse il dialetto veneziano comunque il sottotitolo spiega ulteriormente il concetto del libro.

Nell’introduzione viene spiegato come nasce questa guida di Venezia, dalla voglia di condividere e scoprire una città che al suo interno nasconde, ancora oggi, misteri e luoghi insoliti.

Non si tratta di una guida a fumetti, come si potrebbe erroneamente immaginare, bensì di una guida di Venezia con illustrazioni di Pratt.

Sono sette gli itinerari raccontati in Corto Sconto, iniziano ognuno da una porta nascosta e ci accompagna attraverso cortili, calle e vicoli segreti che nascondono grandi storie.

Non è solo una guida, è un viaggio che inizia tra le pagine di questo libro e che ho intenzione di realizzare al più presto.

[amazon_link asins=’8817033081′ template=’ProductCarousel’ store=’traveltown04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’5f87acd4-0674-11e8-840f-7514e103c16f’]

In un paese bruciato dal sole. L’Australia di Bill Bryson

Un viaggio attraverso il paese più unico del mondo: L’Australia raccontata da Bill Bryson

Prima di iniziare un viaggio, una vota decisa la meta, una delle prime cose che si fa è acquistare la guida di viaggio. Un consiglio che do anche io, soprattutto nello scegliere la guida che più di addice alla propria idea di viaggio.

Nel caso dell’Australia invece avrei un altro consiglio da dare. Insieme alla guida di viaggio (quella che consiglio è la guida Australia Traveller della National Geographic) il libro In un paese bruciato dal sole. L’Australia di Bill Bryson può essere un ottimo spunto per il vostro viaggio Down Under.

Bill Bryson è un famoso travel writer (o scrittore di viaggio che dir si voglia) amato sia dalla critica che dai lettori. Ha ricevuto i premi Royal Society’s Aventis Prize e Descartes Prize. Nato nel 1951 in Iowa vive oggi in Inghilterra dove dal 2013 è membro della Royal Society e svolge il suo lavoro come giornalista.

Il libro racconta del lungo viaggio di Bill attraverso l’Australia narrato in prima persona. Le oltre 300 pagine non sono affatto pesanti, la lettura è scorrevole e molto ironica. Bill non si limita a descrivere i luoghi che visita ma racconta la storia del paese senza mai perdere la vena comica che accompagna il lettore pagina dopo pagina.

Avventure surreali come una violazione di domicilio a Sydney mentre è in fuga da un cane feroce, oppure i goffi tentativi di fare surf (andati decisamente male). Per non parlare delle esperienze dell’outback e l’incontro con le genti locali. Non mancano momenti di romanticismo tipici di chi viaggia alla scoperta di luoghi nuovi ed esotici in un paese che nel libro definisce:

L’Australia è in gran parte vuota e lontana, tanto lontana. La sua popolazione non è numerosa e, di conseguenza, il suo ruolo nel mondo è periferico. non ha colpi di stato, non esaurisce le riserve ittiche con una pesca dissennata, non finanzia despoti impresentabili, non produce cocaina in quantità imbarazzanti, non usa la propria influenza in maniera arrogante e inappropriata. È un paese stabile, pacifico e buono. Non ha bisogno. di essere tenuta sotto osservazione, e così non lo facciamo. Ma voglio dirvi questo: a perderci siamo solo noi.

Vedete, l’Australia è un posto interessante. Ed è dall’inizio del libro che non faccio che ripeterlo.

Consiglio questo libro a chi vuole lasciarsi affascinare e incuriosire da uno dei luoghi più belli che abbia mai avuto la fortuna di visitare. Non ci si annoia e si imparano curiosità prendendo spunto per un viaggio unico.

Per gli appassionati di Australia invece ricordo che periodicamente da Travel Australia organizzo serate dove racconto un po’ del paese (ogni serata si concentra su un solo stato dell’Australia) ed il libro di Bill Bryson è sempre a portata di mano!

[amazon_link asins=’8850235682′ template=’ProductCarousel’ store=’traveltown04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’38335206-f7b8-11e7-a54a-497be5806a92′]

Guida Lonely Planet alla Fotografia di Viaggio

Guida essenziale per chi vuole iniziare con la fotografia di viaggio.

Dopo il mio ultimo viaggio in Australia, novembre 2017, è rinato in me il desiderio di dedicarmi (dopo un bel po’ di tempo) ad uno dei miei più grandi amori: la fotografia di viaggio.

Ho studiato fotografia anni fa, frequentando un corso professionale biennale, con l’idea che avrei fatto della fotografia la mia vita. In realtà ciò non è successo per una serie di eventi che non starò qui a raccontare. Detto questo, dato che ho studiato principalmente la fotografia analogica (pellicole, stampe con bagni chimici e altre cose dello scorso millennio), mi ritrovo nella condizione di ripartire da zero con la fotografia digitale.

Facendo un giro in libreria alla ricerca di qualche manuale completo e mirato sulla fotografia digitale, mi sono imbattuto nella guida Lonely Planet Fotografia di Viaggio.

Il titolo direi che è perfetto per quello che mi serve, dato che farò fotografie durante i miei viaggi, ma sarà quello che cerco?

Il libro è scritto da Richard I’Anson, fotografo di viaggio Australiano (strano che l’Australia mi segua ovunque) e tratta tutti gli aspetti della fotografia di viaggio, dalle attrezzature al modo di viaggiare, dando consigli concreti basati sulla propria esperienza.

Non il solito mattone con pagine e pagine sulla tecnica fotografica, utile per chi è agli inizi ma una ripetizione per chi già mastica un po’ di fotografia a livello amatoriale.

Per chi è agli inizi sono spiegate nel dettaglio, ma senza eccedere con i tecnicismi, le tecnologie della fotografia digitale, fornendo le basi per capire che attrezzatura serve in base alle proprie necessità.

Oltre a questo la guida contiene un sacco di foto con l’indicazione di come è stata scattata ed i dati tecnici, questo per dare un’idea e provare a capire come realizzare degli scatti da professionisti durante i propri viaggi.

Consiglio quindi vivamente la Guida Lonely Planet alla fotografia di viaggio a chi vuole ottenere dei buoni risultati con la propria macchina fotografica.

La copertina morbida è facilmente deteriorabile, ma la stampa e la rilegatura sono ottime. Il prezzo inoltre è decisamente interessante![amazon_link asins=’8859239184′ template=’ProductCarousel’ store=’traveltown04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’d840ce75-f20a-11e7-b5ad-7554c6b56f05′]