loading...

Nuove modalità di pagamento nei Caraibi – Bitcoin

La Caribbean Tourism Development Agency (ADTC) ha stretto una partnership con la società locale Bitt Inc, specializzata nello sviluppo di soluzioni di pagamento basate sulla Bitcoin Cash Blockchain (BCH).

L’accordo mira a facilitare l’integrazione di soluzioni di pagamento più flessibili, basate sulla Blockchain, per la prenotazione di prodotti e servizi turistici dei Caraibi. L’idea è di essere in grado di potenziare il settore principale su cui si basa l’economia caraibica.

Ogni anno, l’industria del turismo genera circa 50 miliardi USD del PIL della regione. L’accordo mira a esaminare tutti i vantaggi di questa tecnologia finanziaria in forte espansione. I servizi finanziari basati su Blockchain e criptovalute potrebbero potenzialmente contribuire a raggiungere più rapidamente gli obiettivi di specifici programmi e attività di turismo dei Caraibi, secondo Hugh Riley, Segretario Generale di ADTC, considerando il ruolo dell’agenzia nello sfruttamento di queste opportunità legittime e ovvie

Una visione condivisa dal suo partner, con sede a Barbados, che considera i protocolli finanziari basati sulla Blockchain come il futuro dell’economia. Facilitando gli scambi monetari, i partner vedono questo accordo come un’opportunità per aumentare l’attrattiva economica della regione.

Mentre i visitatori e l’ecosistema del turismo locale sono i principali beneficiari di questa evoluzione, l’adozione della criptovaluta sembra essere una leva potenziale per l’economia dei Caraibi nel suo complesso. Nel 2015, il 50% dei residenti non aveva un conto bancario (secondo il rapporto della Banca Mondiale).

Per ADTC e Bitt Inc, sembrava ovvio che si sarebbero basati sulle criptovalute, il che conferma la loro ambizione di appropriarsi delle tecnologie digitali emergenti per promuovere l’attività economica della regione. Accettando “criptopagamenti”, la regione potrebbe, ad esempio, ridurre i costi del tasso di cambio per le importazioni e le esportazioni.

La durata della partnership iniziale è di 3 anni, ma può essere estesa di comune accordo.

(articolo realizzato da Andrew J. Wein su Tourism Review News – tradotto da Paolo Aloe)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: