DestinazioniGreat Ocean Road: una delle strade costiere più belle al mondo

Una meta quasi obbligatoria per chi visita l’Australia e il fantastico Stato del Victoria.

La Great Ocean Road è una strada a due corsie che parte dalla cittadina di Torquay, situata a circa 100km a sud di Melbourne, e si estende per 243 km fino a Allansford.

Ci troviamo a sud del paese, in una zona dove il clima cambia ogni 7 minuti e le foreste di eucalipto da un lato e l’oceano dall’altro fanno da scenario a una delle strade panoramiche più emozionanti del mondo.

Quello che rende però speciale la Great Ocean Road non è soltanto questo, essa è infatti il più grande memoriale di guerra al mondo.

Come ogni cosa in Australia anche una strada racchiude un senso più profondo, nasconde una storia…

Questa storia inizia nel 1919 al termine della Prima Guerra Mondiale. Prima di allora non esisteva una strada costiera (l’unica via era la strada attraverso il bush), la sua costruzione venne quindi affidata ai soldati di ritorno dal conflitto. Una delle particolarità che mi ha colpito è che questa strada fu costruita “a mano”, armati solo di piccone e poco altro. Una strada che non solo offriva un’alternativa alle altre strade, ma un simbolo dedicato a chi purtroppo non tornò dalla guerra. Il termine dei lavori è datato 1932, tutto sommato non così tanto tempo tenendo presente i mezzi con i quali venne realizzata.

Potete decidere di percorrere la Great Ocean Road con l’auto, in giornata o in più giorni fermandovi lungo il percorso, oppure, se siete amanti del trekking potete camminare lungo la Great Ocean Walk: un percorso attraverso i parchi nazionali in cui è possibile avvistare koala, canguri e se si è fortunati anche balene e pinguini. Questo sentiero è lungo circa 100 km con partenza da Apollo Bay e arrivo a Glenample, vicino ai 12 Apostoli.

Principali tappe della GOR:

TORQUAY è il punto di accesso alla Great Ocean Road. In questa cittadina si svolge ogni anno, solitamente verso la fine di marzo e l’inizio o la metà di aprile, la famosa gara di surf “Rip Curl Pro Bells Beach”. Poco più a sud si trova invece Anglesea, conosciuta non solo per il surf ma anche per i suoi riverbank markets.

KENNET RIVER: qui è possibile osservare i koala allo stato brado percorrendo la koala walk e avvistare diverse specie di pappagalli.

APOLLO BAY: è una città costiera situata sul lato orientale di Cape Otway, lungo il fiume Barham nella Colac Otway Shire e conosciuta principalmente per il suo Apollo Bay Music Festival che si svolge a inizio aprile.

 

 

 

 

 

 

 


GREAT OTWAY NATIONAL PARK:
più di 1000 km² ricoperti da alberi di eucalipto, cascate e foreste pluviali. Questo parco nazionale offre attività per tutti i gusti: escursioni a cavallo, in bicicletta, surf, rafting, kajak e snorkeling.

CAPO OTAWAY: separa l’Oceano Meridionale dallo Stretto di Bass ed è raggiungibile dalla Great Ocean Road grazie alla Lighthouse Road. Dal 1848 ospita il faro più antico di tutta l’Australia, che con i suoi 90m avvisava le navi della troppa vicinanza alla costa. Al Cape Otway Lightstation sono presenti un centro e monumento della cultura indigena in memoria degli indigeni uccisi dai coloni europei, un bunker anti-radar usato durante la seconda guerra mondiale e la vecchia stazione del telegrafo diventata un museo dedicato agli uomini che hanno comunicato con Melbourne e con lo stato della Tasmania il passaggio di navi nello stretto. Nel periodo tra giugno e ottobre, da questo punto è possibile avvistare le balene.

 

 

 

 

 

 

 


12 APOSTOLI:
sicuramente uno dei panorami più famosi di tutta l’Australia, i 12 Apostoli sono in realtà solo 8 formazioni rocciose alte circa 45m. Si sono formati dai 10 ai 20 milioni di anni fa quando l’erosione causata da vento e agenti atmosferici li ha separati dalla costa. Forse non tutti sanno che il nome attuale è stato assegnato per fini turistici, fino al 1922 infatti si chiamavano “la scrofa e i maialini”. In questo tratto di costa ci sono altre formazioni come il Loch Ard Gorge che prende il nome da una nave che naufragò in queste acque nel 1878. Percorrete gli scalini “Gibson Steps” per ammirarli da un’altra prospettiva oppure per godere al meglio del panorama potete salire a bordo di un elicottero: a Port Campbell decollano dietro il punto informazioni, dalla sede “12 Apostles Helicopters”.

WARBAMBOOL: questa città rappresenta l’estremità occidentale della Great Ocean Road e anche da qui si possono osservare le balene australi durante la loro migrazione annuale. Ammirate anche i koala, i canguri, gli emù e gli uccelli d’acqua che vivono in libertà presso la Tower Hill State Game Reserve, un cratere vulcanico estinto situato a circa 15km dalla cittadina. Questo Parco Nazionale è il più antico del Victoria.

Oggi non esiste pedaggio e la Great Ocean Road rappresenta una delle icone dell’Australia, il mio consiglio quindi è quello di godersi lo spettacolare panorama e fermarsi nei caratteristici paesini ricordando che si sta percorrendo una via realizzata da uomini coraggiosi, che hanno dedicato i loro sforzi ad un’opera unica, simbolo di pace e unione.

Escursione consigliata: Great Ocean Road

Condividi sui social

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

Great Ocean Road: una delle strade costiere più belle al mondo

Compila il form per prenotare il tour. *campi obbligatori




Chiedi informazioni relative a questo tour. *campi obbligatori



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: