C’È MAGIA IN MONTAGNA

Il Drakensberg è la catena montuosa più suggestiva del Paese, si estende per circa 1.000 chilometri delimitando il confine tra il Sudafrica e il Lesotho, con vette che superano i 3.400 metri.

L’intera area è ricca di incredibili cascate, piscine naturali, pareti rocciose e sentieri, un vero e proprio paradiso per gli appassionati di vacanze all’aria aperta.

Dal 2000 l’area montuosa del KwaZulu-Natal è stata riconosciuta Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e rinominata come uKhahlamba-Drakensberg Park. Il parco protetto ha una superficie di 243.000 ettari e ospita alcune delle bellezze paesaggistiche più iconiche del Paese, numerose specie animali in via d’estinzione e centinaia di pitture rupestri della popolazione San.

Tutto sul Drakensberg

DA NON PERDERE

Il Drakensberg offre percorsi naturalisti per tutti i livelli di preparazione, sia per i più allenati che vogliono mettersi alla prova in avventure estreme, sia per chi preferisce passeggiate più tranquille.

Tra i punti di interesse più iconici del Drakensberg c’è l’Amphitheatre, una maestosa parete di basalto che, oltre ad essere ornata da montagne che superano i 3.000 metri, ospita anche le seconde cascate più alte al mondo, le Tugela Falls.

Lo spettacolare massiccio del Giant’s Castle si trova nella zona centrale della catena montuosa e al suo interno si snodano più di 25 percorsi, una rete totale di 285 km di sentieri con tempi di percorrenza che variano da un’ora a più giorni di cammino.

Meta ideale per il trekking è anche Cathedral Peak, con i suoi 3.005 metri di quota e la sua inconfondibile sagoma.

Percorso Culturale di Maloti-Drakensberg

ARTE RUPESTRE

Sulle montagne del Drakensberg è possibile ammirare l’antica arte rupestre dei San – gli abitanti originari del Paese. Dipinte sulle pareti delle grotte, le pitture rupestri rappresentano momenti della vita quotidiana del popolo San, scene di caccia con animali, uomini, cerimonie e rituali. Ad oggi sono state catalogate più di 35.000 immagini in circa 600 siti, risalenti a oltre 2.400 anni fa.

Da non perdere una passeggiata guidata tra le grotte per scoprire queste affascinanti testimonianze oppure una visita ai centri didattici che propongono esperienze interattive e multimediali, come il Didima Rock Art Centre e il Kamberg San Rock Art Trail and Interpretive Centre.

Scopri di più sulle pitture rupestri San

INFORMAZIONI UTILI

In questa zona si possono trovare opzioni di alloggio adatte alle diverse esigenze e budget. All’interno del parco si trovano anche campeggi, bungalow e chalet attrezzati gestiti direttamente dalla Ezemvelo KZN Wildlife, l’ente di conservazione provinciale.

In estate le temperature variano dai 12° ai 30°, mentre durante la notte e in inverno le temperature possono scendere anche sotto lo zero, con gelate e neve. Il periodo migliore per fare escursioni va da aprile a luglio, ma, essendo una regione soggetta a frequenti precipitazioni, ricorda ai tuoi clienti di non sottovalutare le condizioni meteorologiche e di portare con sé indumenti caldi e impermeabili, così come un paio di scarpe da trekking comode.

Scopri di più sul parco uKhahlamba-Drakensberg

Tratto da newsletter South African Tourism 10/01/2019

Condividi sui social

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

Drakensberg, tra cultura e avventura

Compila il form per prenotare il tour. *campi obbligatori




Chiedi informazioni relative a questo tour. *campi obbligatori



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: